giovedì 7 giugno 2012

Alla buon'ora!

Marco Cedolin

A quasi tre settimane dalla prima devstante scossa che ha sfigurato il volto di molti paesi dell'Emilia Romagna, dopo parate, feste e presenzialismi assortiti in giro per l'Italia, il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha trovato un pomeriggio libero per recarsi in visita dai tanti disgraziati che hanno perso la casa ed il lavoro e nel frattempo di scosse hanno dovuto subirne qualche altro centinaio.
Nella conferenza stampa, svoltasi rigorosamente a porte chiuse lontano dalla folla, Napolitano ha voluto rassicurare i terremotati in merito alla presenza dello stato al loro fianco......

 Presenza che gli emiliani ed i romagnoli non avevano comunque mancato di percepire, con la guardia di finanza impegnata a controllare gli scontrini nei bar degli sfollati e il fisco che pretende il pagamento dell'iva sulle tende donate ai terremotati. Stato che magari evapora sulle onde del DL 59, quando si tratta di affrontare il tema della ricostruzione, ma è sempre ben presente allorquando, terremoto o non terremoto si tratta di riscuotere.

Nonostante i pressanti impegni che lo attendono, Napolitano ha trovato anche il tempo per una rapida visita a Mirandola, dove tenuto al riparo dai contestatori che fischiavano sonoramente sia lui che il sindaco, si è trattenuto qualche minuto all'interno della tendopoli a conversare con alcuni terremotati accuratamente selezionati dalla digos.

Dopo avere rinunciato ad una passeggiata nel centro cittadino, temendo il contatto con chi selezionato non era, il presidente è risalito sulla "propria" auto blu, per tornare ad occuparsi di cose importanti, lasciando in tutta fretta la terra d'Emilia Romagna e la gente che vi vive, con la quotidiana compagnia di una trentina di scosse giornaliere.

I personaggi di alta statura morale, dimostrano sempre la propria grandezza attraverso i piccoli gesti del loro quotidiano, il popolo li ama e loro lo amano e qualora il popolo dimostri di non amarli abbastanza, basta risalire in macchina e lasciare che ci pensino i poliziotti ad educare con il manganello quella massa d'ingrati che in fondo non li meritano.
Buon viaggio, Presidente!

4 commenti:

Massimo Caccia ha detto...

Diamogli in mano anche una bella pala, però!!!
Buona serata

Daniele Berti 3471207423 ha detto...

Mitico Marco,la più bella descrizione di morfeo,colui che chiamano:presidente,con una p piccolissima...

marco cedolin ha detto...

La pala poteva essere una buona idea, Massimo ;-)
Buona serata anche a te.

in effetti, Daniele, la p è sempre minucola, tranne quando se ne va ;-)

marco schanzer ha detto...

Non sottovalutiamo questo servo . E' cattivo . Ha una visione .